5 libri da leggere in treno

Leggere quando si è in treno è come vivere un doppio viaggio. Quello che avevamo pianificato e quello che viviamo attraverso le pagine del nostro libro.

Ci sono libri che si sposano perfettamente con il viaggio, perché al di là dell’epoca e dello stile, ci portano altrove.

Eccone 5 esempi perfetti:

1) Jack Kerouac, On the road.

Siamo alla fine degli anni ’40 e Sal Paradise, pseudonimo di Jack Kerouac, ci porta in viaggio per gli Stati Uniti tra autostop e treni merci. Tutto a ritmo di jazz.

2) Aldous Huxley, L’isola.

Romanzo distopico, nel quale, in seguito a un naufragio, il giornalista Will Farnaby approda sull’isola di Pala, dove scopre una società completamente diversa dalla nostra. Ma le due realtà sono destinate ben presto a incontrarsi.

3) Bruno Munari, Le macchine di Munari.

L’autore spiega, attraverso testi e illustrazioni, il funzionamento di macchine di dubbia utilità. Ecco quindi un misuratore automatico del tempo di cottura per uova sode o un agitatore di code per cani pigri. Un’opera che trasforma ogni lettore in un bambino, trascinandolo in un mondo fantastico che lo lascerà a bocca aperta.

4) David Foster Wallace, La scopa del sistema.

La trama è molto semplice: la bisnonna della protagonista scompare dalla casa di riposo dove risiede. Ti starai chiedendo perché La scopa del sistema compaia in questo elenco.Tutto merito di Wallace, che scrive di un Ohio ai limiti della realtà, popolato da personaggi assurdi, dagli atteggiamenti e dalle fattezze improbabili.

5) Salvator Dalì, Cene di gala.

Un ricettario illustrato ideato da Salvator Dalì e dedicato a sua moglie Gala: esattamente come lo immagini. Un viaggio lungo 136 ricette che potresti realizzare anche nella cucina di casa tua, a patto che tu abbia a disposizione una dispensa pressappoco infinita e un team di chef stellati. Se solo Dalì avesse conosciuto il gratinato Findus. Ah, non dimenticare la tua cena nel forno!