Condividi su
Condividi su

A lezione di felicità: ecco gli esercizi che ti danno felicità

Esercizi di felicità - esercizi per la felicità

È il bene più ambito, tanto che in Bhutan hanno creato un ministero che si occupa solo di questo. Fa crescere l’economia e migliora la salute delle persone: è la felicità, che tutti possono allenare con pochi esercizi quotidiani. Ecco quali

Secondo la Costituzione americana è un diritto universale, per altri uno stato d’animo difficile da raggiungere: stiamo parlando della felicità, uno stato d’animo, che porta con sé un atteggiamento positivo, libero, dinamico e coraggioso, capace di migliorare la vita. E la salute. Uno studio condotto dal Columbia University Medical Center di New York[1] (e pubblicato dall’European Heart Journal) ha infatti dimostrato come uno stile di vita rilassato e sereno aiuti non solo a prevenire l’insorgere di malattie cardiovascolari ma migliori anche le difese immunitarie.

Dunque, come raggiungere uno stato che molti considerano alla stregua di un’utopia? Gli esperti assicurano: la felicità si può allenare. E potenziare con semplici esercizi quotidiani che aiutano ad acquisire consapevolezza e nuove prospettive. Eccone alcuni, suggeriti da coach ed esperti.

 

Il patto con voi stessi
Durante la colazione, promettetevi di dedicare 30 minuti della giornata a meditazione, riflessioni o esercizi creativi. Basta un esercizio di disegno, una ricetta mai provata prima o semplicemente un racconto: create qualcosa di personale seguendo i vostri schemi e senza seguire o copiare cose già fatte da altri. Date libero sfogo alla fantasia: secondo uno studio dell’Università di Otago[2], in Nuova Zelanda, attività creative e rilassanti rendono più felici.

 

Meditazione fast

È efficace soprattutto in momenti di stress lavorativo: fermatevi tre minuti e fate dello stretching. Seduti, in piedi o sdraiati, chiudete gli occhi, rilassate i muscoli e respirate cercando di distogliere l’attenzione dai pensieri negativi. Vi sentirete subito più sereni, parola di scienza. Uno studio pubblicato sul Journal of American Medicine[3] ha infatti dimostrato come la meditazione non solo aiuti a dormire meglio, ma anche a ritrovare il buonumore e la serenità.

 

La domanda che ti cambia
Trovate un momento per chiedervi: “che cosa voglio dalla mia vita?”. Scrivetelo su un block notes che aggiornerete giorno per giorno. All’inizio vi concentrerete su pensieri più semplici e scontati (un nuovo telefono, un nuovo televisore…), ma poi vi renderete conto di qual è la vostra idea di felicità. Lo afferma il manager-filosofo Christian Boiron nel libro Siamo tutti fatti per essere felici (edizioni Sperling&Kupfer, 220 pag).

 

Sorridete e scegliete le amicizie

In momenti di panico o di particolare ansia, chiudete gli occhi, rilassatevi e sorridete. Prendetevi del tempo per capire come il sorriso riesca a cambiarvi. Ripetetevi per rassicurarvi “Stai tranquillo, va tutto bene”. E sulle amicizie: circondatevi solo da chi vi consente di manifestare il vostro essere autentico, senza giudicarvi. Il guru americano Tal Ben-Shahar, esperto di Psicologia Positiva, ha dedicato uno dei suoi corsi all’Università di Harvard allo studio delle reazioni: nelle sue ricerche, infatti, ha dimostrato che più che gli eventi esterni, la felicità dipende piuttosto dalla capacità di reagire da parte degli individui. E da come noi trasformiamo un problema in un’opportunità.

[1] Karina W. Davidson, Elizabeth Mostofsky and William Whang.Don't worry, be happy: positive affect and reduced 10-year incident coronary heart disease: The Canadian Nova Scotia Health Survey. European Heart Journal, Feb 17, 2010 

[2] Conner, T. S., & Silvia, P. J. (2015). Creative days: A daily diary study of emotion, personality, and everyday creativity. Psychology of Aesthetics, Creativity, & the Arts9(4), 463-470.

[3] Williams, K. A., Kolar, M. M., Reger, B. E., & Pearson, J. C. (2001). Evaluation of a wellness-based mindfulness stress reduction intervention: A controlled trial. American Journal of Health Promotion, 15, 422–432.

 

Contenuti redatti in collaborazione con Network Comunicazione