Condividi su
Condividi su

Alimentazione bambini

Piccoli consigli per la dieta dei tuoi bambini

Findus - Profili, Bambini

La dieta del bambino durante i primi anni di vita è molto importante. Gli alimenti e i nutrienti che essi forniscono sono, infatti, i mattoni con cui l’organismo costruisce ossa e denti forti, muscoli e tessuti.

Una buona alimentazione per bambini contribuisce a proteggerli dalle malattie e a garantire loro una buona capacità cognitiva. I nutrienti più importanti durante la crescita sono le proteine, gli acidi grassi essenziali, il ferro, il calcio, lo iodio, le vitamine A, C, D e la B12. Le fonti migliori di questi nutrienti sono gli alimenti di origine animale.

Non esageriamo con l’offerta di cibi salati e dolci. Gli errori più comuni nella prima alimentazione sono proprio gli eccessi di formaggio o di dolci, che appesantiscono il metabolismo del bambino e possono anche orientare le sue preferenze future verso un’alimentazione meno sana, perché con troppi zuccheri e con troppo sale. L’olio extravergine di oliva è un alimento molto speciale che contiene acidi grassi essenziali, particolarmente importanti nei processi di mineralizzazione delle ossa e nello sviluppo del sistema nervoso centrale del bambino.

La piramide alimentare per bambini che contenga tutti i nutrienti necessari dovrebbe essere composta (dalla base all’apice) da:

  • frutta e ortaggi, almeno 5 porzioni al giorno variando tra i colori presenti in natura (rosso, giallo-arancio, verde, blu-viola, bianco) da utilizzare in tutti i pasti o spuntini della giornata;
  • cereali, pane, pasta, riso o patate da utilizzare quotidianamente in alternativa in ognuno dei tre pasti principali;
  • latte e i suoi derivati (ad esempio, consumare una tazza di latte la mattina, aggiungere formaggio stagionato alla pasta o alle uova, offrire uno yogurt a merenda);
  • carne, pesce, uova e legumi da alternare come fonte di proteine, vitamine e minerali;
  • salumi in quantità moderata;
  • poco sale, pochi zuccheri.

Qual è la corretta alimentazione dei bambini?

Un’adeguata dieta per bambini dovrebbe essere composta da piccoli pasti altamente nutrienti e bisognerebbe abituarli a non saltare mai la prima colazione.

Le porzioni devono essere a misura di bambino anche perché il piccolo è molto felice e gratificato quando riesce a finire la sua porzione.

Presentare frutta e verdura con “allegria” dando forma e colore al piatto e se il bambino le consuma con difficoltà offrirgliele come prima cosa.

Coinvolgere il più possibile il bambino nella scelta e nella preparazione del pasto. L’autonomia è una grande conquista dell’infanzia e andrebbe quindi incentivata, come la sperimentazione di nuovi gusti, giocando sulla varietà dei colori per stimolare la sua fantasia e permettendo al bambino di mangiare alcuni alimenti con le mani (frutta, ortaggi, ecc.).

Tenere i dolci lontani dalla vista fino al termine del pasto.

Se il bambino rifiuta alcuni alimenti, non drammatizzare. Sono fasi comuni che fanno parte dello sviluppo dell’indipendenza. Riproporre di tanto in tanto l’alimento in altre preparazioni.

Se il bambino è sottopeso o sovrappeso, consultare il pediatra.

Riunire la famiglia per i pasti. La conversazione e la compagnia sono il miglior condimento!

I bambini guardano con attenzione i loro genitori. È così che imparano. Quando crescono sono influenzati anche da altre cose come gli amici, la TV, ma continuano comunque a osservare ciò che fanno i genitori e come lo fanno. Per questo è ancora più importante per un adulto fare delle scelte sane.

“Articolo redatto dalla Dott.ssa Elisabetta Bernardi,
Nutrizionista, Biologa con Specializzazione in Scienza dell’alimentazione”

Le cose da ricordare sul consumo di liquidi nello sport

•  I nutrienti più importanti per la crescita del bambino sono le proteine, gli acidi grassi essenziali, il ferro, il calcio, lo iodio, le vitamine A, C, D e B12
•  Una dieta adeguata per i bambini dovrebbe essere composta da piccoli pasti altamente nutrienti
•  Piccoli consigli: proporre frutta, verdura e pesce attraverso piatti allegri, coinvolgere il bambino nella preparazione dei pasti, tenere lontani dalla vista i dolci fino al termine del pasto principale