Condividi su
Condividi su

Semi di lino: proprietà, benefici e usi in cucina

Piccoli ma dai grandi benefici, i semi di lino si ricavano dall'omonima pianta, il Linum usitatissimum, coltivata sin dai tempi dell'Antico Egitto. Ricchi di acidi grassi essenziali, contribuiscono in moltissimi modi al benessere del nostro organismo.

Altrettanto numerosi sono gli usi in cucina dei semi di lino, protagonisti di preparazioni di vario genere, sia calde sia fredde, sia dolci sia salate.

In questa sede, scopriremo com'è possibile integrare questo prezioso ingrediente nella nostra dieta, con gusto e semplicità. Approfondiremo inoltre le principali proprietà dei semi di lino, che, per la loro unicità, sono valse a questo alimento l'appellativo di "seme magico".

TUTTE LE PROPRIETÀ BENEFICHE DEI SEMI DI LINO

I semi di lino sono un alimento nutriente, ricco di fibre e acidi grassi essenziali.
Al pari degli altri semi oleosi, sono principalmente costituiti da lipidi (oltre il 42% del peso totale), sebbene il contenuto di grassi saturi sia assai modesto (meno del 4%). Vantano anche un buon quantitativo di carboidrati (29%) e proteine (18%). Sono inoltre un'ottima fonte di vitamine, soprattutto del gruppo B, C, E, F e K, e minerali, in particolare fosforo, magnesio, rame e manganese.

I benefici derivanti dall'assunzione dei semi di lino sono tanti. Eccone alcuni:

•    Ricchissimi di acido alfa-linoleico, i semi di lino sono una delle migliori fonti di omega 3, un acido grasso cosiddetto essenziale, visto che il nostro organismo non è in grado di produrlo autonomamente; questa preziosa sostanza contribuisce a preservare la salute cardiovascolare, il benessere dell'apparato cognitivo e la funzionalità del sistema immunitario;
•    Grazie all'alta percentuale di mucillagini, i semi di lino hanno proprietà emollienti e regolatrici del transito intestinale, combattono la stipsi e ne prevengono la ricomparsa;
•    Per l'elevato apporto di vitamina E, i semi di lino vantano uno spiccato potere antiossidante; fanno bene alla pelle e prevengono alcune patologie a carico degli occhi, come la degenerazione maculare e la cataratta;
•    L'alto contenuto di vitamina E, combinata agli acidi grassi omega 3, svolge inoltre un'efficace azione antinfiammatoria, soprattutto a beneficio dell'apparato digestivo e di quello urinario;
•    Il buon quantitativo di lecitina fa dei semi di lino degli ottimi alleati per la salute del cervello e del sistema nervoso;
•    L'alta percentuale di fibre presenti può svolgere un'azione preventiva anche su quelli che sono i fattori correlati ad alcune patologie dermatologiche come la psoriasi, quali i disturbi digestivi, l'iperacidità gastrica e il malassorbimento intestinale.

TUTTI GLI USI IN CUCINA DEI SEMI DI LINO

I semi di lino non dovrebbero mai mancare nella nostra dispensa. Non solo per le già citate proprietà benefiche, ma anche per il loro gusto, così delicato da prestarsi alle più svariate preparazioni. Quando li si cucina, vale tuttavia la pena rispettare una piccola accortezza: per mantenerne inalterate le proprietà nutrizionali, è bene frantumare i semi prima dell'uso. Il loro involucro è infatti particolarmente resistente e il seme, se ingerito intero, fatica ad essere digerito dai succhi gastrici e il suo contenuto, non è assimilato dall'intestino. Per eseguire rapidamente questa operazione si può ricorrere a utensili di uso comune, come un mortaio, un mixer o un macinacaffè.

Dalla frantumazione dei semi, è inoltre possibile ricavare una farina molto nutriente. Si presenta come una polvere a grana grossa, di colore giallo-bruno, compatta e untuosa al tatto. Può essere usata da sola, per la realizzazione di dolci come torte e plumcake, oppure in combinazione alle altre farine, ad esempio per la preparazione di pane, focacce e altri impasti salati. Con i semi di lino, è possibile preparare anche un infuso a freddo: basta versare un cucchiaio di semi in un bicchiere, riempirlo d'acqua, coprirlo con un panno o un piattino, e lasciarlo riposare per tutta la notte. Il mattino seguente, sarà sufficiente filtrare l'infuso affinché sia pronto da bere. Se assunto a digiuno, questo preparato vanta una spiccata azione depurativa. I semi di lino, sotto forma di decotto gelatinoso, sono inoltre un ottimo legante alimentare: in altre parole, un efficace surrogato delle uova, perfetto per chi intende limitarne il consumo. L'importante è rispettare le proporzioni, ricordandosi di sostituire ogni uovo con tre cucchiai di decotto di semi di lino.

IDEE DI RICETTE CON SEMI DI LINO E MINESTRONE

Una volta tritati, i semi di lino sono pronti per essere serviti in tavola. Perfetti per la colazione o come spuntino, ben si prestano ad arricchire yogurt e barrette energetiche, macedonie e frullati di frutta. Trovano spazio anche nelle portate principali, ad esempio come ingredienti di frittate o torte rustiche e nelle tartare di pesce o di carne. Donano una nota in più alle insalate e sono buonissimi polverizzati sulle verdure alla griglia. Molto diffuso è poi il pane ai semi di lino, da gustare a fette, o da usare come base per la preparazione di sostanziosi french toast.

Un cenno a parte è tuttavia da riservarsi ai minestroni, con i quali i semi di lino si sposano a meraviglia. Questi semi oleosi sono infatti perfetti per donare profumo e consistenza a creme e passati di verdure, oltre a moltiplicarne i benefici per l'organismo. Ottimi nei piatti dai sapori invernali, come la zuppa di porri e patate, sono ugualmente apprezzabili in quelli estivi, come la crema fredda di zucchine e menta. Si accompagnano altrettanto bene a ricette più estrose, come la vellutata di zucca, carote e robiola, oppure alla variante con broccoli e nocciole, così come alle minestre proteiche a base di lenticchie o cannellini.

Le cose da ricordare su proprietà e benefici dei semi di lino in cucina

  • Ricchi di acidi grassi essenziali, i semi di lino sono utili nella prevenzione di molte affezioni del sistema cardiovascolare e forniscono un valido supporto al corretto funzionamento del sistema immunitario;
  • Grazie alla presenza di mucillagini e di un'alta percentuale di fibre, i semi di lino svolgono un'azione regolatrice della motilità intestinale e prevengono la stitichezza;
  • Ricchi di vitamina E e omega 3, i semi di lino sono un potente antiossidante naturale, nonché un alleato per la salute della pelle e degli occhi.

Contenuti redatti in collaborazione con Network Comunicazione

 

 

Ti potrebbe interessare anche:

Semi di zucca: proprietà e benefici
I semi: proprietà, benefici e usi in cucina

7 idee di ricette facili e veloci con verdure