Condividi su
Condividi su

Sapori dall'oriente: castagne d'acqua, fungo nero e germogli di fagiolo mungo per un minestrone tradizionale dal tocco esotico

Esotica, speziata e profumatissima: la cucina orientale, con i suoi cibi cardine, è l'ideale per variare l'alimentazione con originalità e leggerezza. Semplice ma nutriente, conquista il palato con un perfetto bilanciamento di sapori.

Passiamo quindi in rassegna tre ingredienti onnipresenti in Oriente, che, pian piano, stanno iniziando a fare capolino anche sulle nostre tavole: le castagne d'acqua, il fungo nero e i germogli di fagiolo mungo. In particolare, scopriremo quali benefici assicura il loro consumo e vedremo com'è facile integrare questi preziosi alimenti nella nostra dieta.

CASTAGNE D'ACQUA: PROPRIETÀ E USI IN CUCINA

La castagna d'acqua è una pianta acquatica galleggiante, tipica delle aree a clima temperato caldo dell'Asia e dell'Africa tropicale. Se ne consumano i frutti che, analogamente alle nostre castagne di montagna, sono piccoli e di forma arrotondata, caratterizzati da una polpa bianca e croccante, a sua volta ricoperta da una buccia di colore bruno.

Ecco alcune caratteristiche e proprietà delle castagne d'acqua, che ne fanno un ottimo alleato della salute:

•    Sono un concentrato di vitamine e minerali: le castagne d'acqua sono ricche di vitamine, in particolare B2 e B6, ma anche dei gruppi C, E e K, e di sali minerali, come potassio, rame e manganese;

•    Non contengono colesterolo e il contenuto di grassi è praticamente trascurabile (0,1%);

•    Sono amiche della dieta: con le loro 97 kcal per 100 grammi, hanno un apporto energetico nettamente inferiore a quello delle castagne tradizionali; se adattate nelle porzioni, sono quindi perfette anche per chi è attento alla linea.

Dolci e farinose, le castagne d'acqua hanno un gusto delicato, con un vago sentore di nocciola. Possono essere consumate crude, al naturale, oppure lessate, arrostite, saltate in padella o pastellate e fritte. Esaltano il sapore del pesce e delle carni bianche, ma si prestano anche a rientrare nelle zuppe, nei risotti e nei condimenti per paste asciutte. Buonissime nelle frittate con l'erba cipollina, le castagne d'acqua possono anche essere macinate e ridotte in una farina, da usare per l'impasto di dolci e lievitati.

FUNGO NERO: PROPRIETÀ E USI IN CUCINA

Il fungo nero, o fungo shiitake, è attualmente il secondo fungo commestibile più consumato al mondo. Ha un gambo robusto e tozzo, un cappello bruno con chiazze biancastre, di forma circolare o reniforme, e una cuticola il cui colore vira dall'ocra al violaceo. Diffuso in quasi tutto l'Estremo Oriente, cresce soprattutto su tronchi di latifoglie come faggi, querce e castagni. È proprio a questa particolare caratteristica che deve il suo nome, nato dall'unione di due parole giapponesi: shii (quercia) e take (fungo).

Per le sue innumerevoli proprietà, questo fungo è considerato un vero elisir da parecchi secoli:
•    Contiene eritadenina, un aminoacido che protegge le arterie e aiuta a ridurre i livelli di colesterolo nel sangue;

•    Contrasta i danni dei radicali liberi, previene l'invecchiamento e contribuisce a mantenere i tessuti sani, grazie all'alto contenuto di ergotioneina, un composto antiossidante particolarmente efficace;

•    È un'ottima fonte di ferro e proteine, un connubio ideale soprattutto per chi segue una dieta vegetariana.

Apprezzato per il suo aroma inconfondibile e per il retrogusto acidulo, il fungo nero si sposa alla perfezione con riso, carne e pesce. Può essere gustato anche alla brace, al forno o, più semplicemente, a crudo, tagliato a fette sottili in insalata. È inoltre un ingrediente ideale per una zuppa calda o per una tempura di verdure, da servire con salsa di soia o, per chi ama i sapori piccanti, con un'emulsione al miele e peperoncino.

GERMOGLI DI FAGIOLO MUNGO: PROPRIETÀ E USI IN CUCINA

I semi di fagiolo mungo, chiamati talvolta semi di "soia verde", sono tra i più usati al mondo per la produzione di germogli. La pianta da cui hanno origine risponde al nome botanico di Vigna radiata ed è nativa dell'India, sebbene oggi sia praticamente diffusa in tutti i continenti, Europa compresa. I semi da cui si ricavano i germogli hanno l'aspetto simile a lenticchie e presentano una buccia di colore verde brillante.

I germogli di fagiolo mungo apportano molteplici benefici all'organismo:

•    Aiutano a tenere sotto controllo il colesterolo e i trigliceridi, per effetto dell'alto contenuto di fibra e di acidi grassi omega 3 e omega 6;

•    Costituiti per il 90% d'acqua e con una concentrazione di grassi inferiore allo 0,2%, strizzano l'occhio alla linea e favoriscono il processo digestivo;

•    Grazie alla ricchezza in isoflavoni, mantengono attivo il sistema immunitario, contribuiscono alla salute delle ossa e preservano le funzionalità cognitive.

Rispetto ad altri tipi di germogli, quelli di fagiolo mungo mantengono un sapore più dolce e sono deliziosi sia crudi che cotti. Per esempio, possono donare una nota fresca e croccante alle insalate, ma anche costituire un ripieno originale per involtini e polpette dal gusto esotico. Adatti a guarnire zuppe e vellutate, si possono inoltre rosolare in padella con un filo d'olio, uno spicchio d'aglio e una spolverata di zenzero. C'è addirittura chi non vi rinuncia per le preparazioni dolci, usandoli per la realizzazione di budini e biscotti.

IDEE DI RICETTE PER UN MINESTRONE D'ORIENTE

Buone per il palato e per la salute, le ricette che sanno d'Oriente riempiono le nostre cucine di nuovi inebrianti profumi e contribuiscono al giusto apporto di molti nutrienti essenziali.

Zuppe e minestroni, in particolare, sono grandi protagonisti della cucina orientale. Dai noodles in brodo con verdure e bocconcini di pollo alla minestra di uova e porri, passando per la celeberrima zuppa di miso, sono tante le ricette da cui trarre ispirazione. Comune a tutte le portate è la capacità di conquistare il palato, senza tuttavia pesare sulla linea né sulla digestione.

Come il Minestrone Leggeramente Sapori Orientali di Findus, realizzato con ingredienti bilanciati e scelti con cura, tra i quali spiccano castagne d'acqua, bambù e germogli di fagiolo mungo.

Dal ridotto tenore calorico, è inoltre un'ottima fonte di vitamina A.

Perché non dare più spazio, quindi, ai sapori orientali? Oltre a sorprendere il palato con gusti inediti, è un modo facile e divertente per variare la propria dieta e fare il pieno di sostanze nutritive importanti per l'organismo.

Contenuti redatti in collaborazione con Network Comunicazione

 

 

Ti potrebbe interessare anche:

I semi: proprietà, benefici e usi in cucina
Lo stile di vita orientale come alleato del benessere

Zenzero: proprietà, benefici e usi in cucina