Condividi su
Condividi su

Findus e il suo impegno per un'agricoltura sostenibile

La pratica della monocoltura, lo sfruttamento incessante dei terreni, un utilizzo poco oculato delle risorse idriche, il ricorso massiccio a pesticidi e fertilizzanti di sintesi sono tra i tanti fattori che, su scala mondiale, stanno rendendo l’agricoltura sempre più fragile. È da questa consapevolezza che nascono pratiche di agricoltura sostenibile, come quelle adottate da Findus. L'obiettivo è garantire prodotti approvvigionati in maniera responsabile, ottimizzando le risorse a disposizione e minimizzando gli sprechi. Ma cosa si intende, nello specifico, per agricoltura sostenibile? Quali sono le buone prassi che caratterizzano l'agricoltura sostenibile Findus? Scopriamolo nel dettaglio.

Cosa significa agricoltura sostenibile: il ruolo di SAI

A fronte di un inarrestabile incremento demografico, la grande sfida del futuro sarà continuare a produrre cibo di qualità, in quantità tali da sfamare l'intera popolazione umana. Affinché la terra continui a garantire nutrimento, è tuttavia necessario preservarla dall'impoverimento cui oggi va incontro, dovuto a tecniche produttive sempre più intensive. L'agricoltura sostenibile nasce proprio come alternativa al sovrasfruttamento delle risorse naturali, in favore di pratiche più attente e responsabili. Si tratta di attività agricole svolte nel rispetto dell'ambiente e della sua biodiversità, che, attraverso un uso oculato delle risorse e una riduzione degli sprechi, mirano a ottimizzare la resa e le qualità nutrizionali dei prodotti finali, ma anche a migliorare le condizioni economiche e sociali dei lavoratori e delle comunità locali.

A dettare le linee guida per un'agricoltura sostenibile è soprattutto SAI Platform (Sustainable Agriculture Initiative Platform), una delle più importanti iniziative a livello mondiale per lo sviluppo e l'adozione di pratiche agricole sostenibili. Aggregando più di 90 membri della filiera agroalimentare (non solo aziende specializzate nella trasformazione, ma anche cooperative agricole, rivenditori o fornitori di attrezzature per l'agroindustria), favorisce la comunicazione tra tutti gli attori coinvolti, che, insieme, individuano e implementano modelli di agricoltura sostenibile, oltre a sviluppare strumenti, linee guida e standard per la valutazione della sostenibilità agricola.

Findus e il suo modello di agricoltura sostenibile

Consapevole di tutti i limiti dell'agricoltura intensiva, anche Findus fa un passo in avanti in direzione della sostenibilità. Con l'adesione a SAI Platform, si impegna ad offrire vegetali buoni e di qualità, provenienti da attività che hanno a cuore l'ambiente, le risorse disponibili e le comunità di agricoltori.

L'agricoltura sostenibile Findus passa dalle tecniche più antiche, come la rotazione delle colture, allo scopo di preservare la fertilità e il rendimento del terreno nel corso degli anni. Alla riduzione dell'impatto ambientale, si affianca poi un uso oculato delle risorse. A tale scopo, Findus ha scelto di adottare tecniche innovative per ottimizzare l'impiego d'acqua: tra queste, c'è il ricorso, dove possibile, a metodi di irrigazione a bassa pressione, come ad esempio quello a goccia, che permettono di limitare notevolmente il consumo idrico. Un ulteriore principio chiave è il valore della relazione tra Findus e gli agricoltori con i quali collabora, affinché mantengano e accrescano il proprio benessere e quello dell'ambiente in cui operano.

A garanzia della massima trasparenza, Findus ha scelto di far verificare da un ente terzo la sostenibilità delle sue pratiche agricole, per mezzo dello schema di verifica FSA (Farm Sustainability Assessment).

Le verdure Findus da agricoltura sostenibile

Findus si impegna ad avere il 90% di verdure da agricoltura sostenibile verificata secondo gli standard FSA di SAI Platform entro il 2019. I prodotti sui quali l’azienda si è concentrata per questa prima fase sono:

  • Pisellini Primavera: piccoli, teneri e dolci, sono frutto di una selezione attenta delle aree di coltivazione, scelte per caratteristiche climatiche e del terreno;
  • Piselli Novelli: surgelati entro 3 ore dalla raccolta, sono il risultato di sementi selezionate, che ne garantiscono tutto il gusto, la consistenza e la qualità;
  • Ciuffetti di Spinaci Primavera: piccole e tenere, sono le foglie migliori del raccolto di stagione, raccolte e surgelate entro poche ore per preservarne naturalità e freschezza;
  • Spinaci Novelli in foglia: 100% di origine italiana, sono frutto di un'accurata selezione delle foglie più tenere e integre;
  • Minestrone Tradizione e Minestrone Tradizione 5 Minuti: 15 varietà di verdure tutte italiane, tra le quali spicca la bontà autentica di prodotti IGP e DOP, come il Basilico Genovese, la Patata del Fucino e la Cipolla rossa di Tropea;
  • Minestrone Tradizione - Il Passato: senza olio e sale aggiunti, ripropone tutto il gusto del Minestrone Tradizione ed è generalmente apprezzato anche dai palati meno abituati alle verdure a pezzi.

 

Quello di Findus è tuttavia un impegno in divenire: entro il 2019, i vegetali provenienti da agricoltura sostenibile saranno almeno il 90%. L'obiettivo finale è quello di arrivare a coprire tutte le referenze del marchio nel corso di pochi anni.